BILANCIO 2020/2021 – pt. 1

Cerco di mettere un po’ d’ordine, in primis nella mia testa di tifoso, che però si picca di capirne un po’ di finanza e bilanci, i quali d’altra parte dovrebbero rappresentare una situazione oggettiva e come tale non interpretabile con visioni partigiane, imprescindibili invece quando si parla della propria squadra del cuore.

Insomma, un discreto casino.

-245,6 milioni è un numero che fa sudare freddo, poco da dire.

Ma è la fotografia di un periodo passato, e per la precisione chiuso il 30 giugno 2021. Ed è l’effetto dei rubinetti chiusi in Cina, delle difficoltà finanziarie di Suning e della pandemia.

Il tifoso interista deve preoccuparsi? Non troppo.

Come detto, il mix tra problemi con la politica economica cinese ed emergenza-Covid ha scatenato il massimo dei suoi effetti nella stagione 2020/2021. Gli stadi, incrociando le dita, stanno cominciando a riempirsi, per ora con il tetto del 50%, da dopo la sosta dovrebbe essere il 75%, che per San Siro vuol dire circa 55 mila spettatori: poco meno dei livelli pre-pandemia, quando l’Inter aveva una media da quasi 60 mila persone a partita.

Il bilancio presentato al CdA, che sarà approvato dall’Assemblea tra poche settimane, risente anche di quella che si chiama “pulizia contabile”: sono cioè state fatte delle svalutazioni che hanno riguardato sia giocatori (con l’azzeramento dei cartellini di Joao Mario e Nainggolan) che crediti. E se con le minusvalenze dei calciatori anche il più obnubilato dei tifosi ha ormai una certa familiarità, sui crediti la situazione è più nebulosa, perché se da una parte l’AD Antonello ha parlato di svalutazioni di sponsorizzazioni cinesi dovute all’assenza di hospitality allo Stadio, da altre parti si è ipotizzato che quei crediti fossero pendenti già da qualche anno, e che si sia preferito fare un po’ di “pulizia contabile”, visto che la loro esigibilità aveva destato parecchi dubbi già in fase di due diligence da parte degli inglesi BC Partners, il fondo che era arrivato a valutare il 100% dell’Inter 750 milioni. Di conseguenza, l’azzeramento di questi crediti potrebbe essere visto come una manovra per fare ordine, in attesa di nuovi acquirenti che si troverebbero davanti una situazione più chiara, per quanto con meno “ciccia”.

Il dilemma alla fine è sempre lo stesso: Suning che fa? Va? Resta? butta la palla avanti di un giro?

Difficile dirlo. Marotta e Antonello tranquillizzano dicendo che le operazioni degli ultimi mesi (leggasi prestito di Oaktree e cessione di Hakimi e Lukaku) hanno messo il Club in sicurezza e che la famigerata continuità aziendale è garantita.

D’altra parte, a domanda specifica fatta da Paolo Condò su quanto del prestito di Oaktree (dato a Suning, non all’Inter) sia confluito nelle casse nerazzurre e su quanto ancora potrà entrarne, in caso di bisogno, Marotta ha fatto la supercazzola, lasciando intendere che Zhang ha ben altri problemi e facendo capire che probabilmente quei soldi serviranno ad altro e non all’Inter. Tutto ciò tenendo presente che, in caso di mancata restituzione del prestito, Oaktree potrà rivalersi sulle azioni dell’Inter, quindi alla fine è il Club ad essere interessato alla cosa.

Suning ha quindi bisogno di soldi, questo è indubbio. Quello a cui non credo invece è una cessione a breve, visto che inevitabilmente oggi spunterebbe un prezzo più basso di quanto offerto l’anno scorso – i famosi 750 milioni di BC Partners – cifra peraltro molto vicina a quanto speso fin qui da Zhang negli cinque anni di presidenza. E se già Zhang aveva risposto “no” a quella valutazione, non si capisce perché dovrebbe accettarne oggi una al ribasso.

La recente rielezione di Sala a Sindaco di Milano apre il campo a una accelerazione sulla questione-stadio, che si rivela cruciale, e non solo in questa vicenda.

Da un lato il Comune vuole essere certo di chiudere un accordo con due proprietà che non cambino faccia a lavori in corso, ma che assicurino continuità di gestione dei rispettivi Club per tutta la durata dei lavori.

Dall’altra, Suning sa che anche la sola firma di un protocollo di intesa con le istituzioni per la costruzione del nuovo distretto sportivo farebbe impennare la valutazione nerazzurra e renderne più profittevole la vendita.

Quelli bravi direbbero che è un tema negoziale: riusciranno i nostri eroi a trovare un accordo tra la permanenza a lungo termine chiesta da Sala e quella in stile “macchina in doppia fila” di Suning? Molto, a mio parere, si gioca su questo.

Non sono da escludere ribaltoni dalla Cina: lo stesso Bellinazzo ipotizza che, con la fine della pandemia, la Cina riparta e torni a concedere spazi di manovra alle proprie aziende all’estero, ma il tema è enorme, basta pensare al crack di Evergrande che, tra gli altri, deve 2,6 miliardi (!) a Suning.

Morale: l’urgenza per l’Inter è stata tamponata, e nel prossimo pezzo cercherò di capire come potrebbe chiudersi il bilancio 2021/2022.

La situazione a medio/lungo termine resta invece ingarbugliata, e solo in minima parte dipendente dalla volontà di Suning. Questo, parlando da tifoso, andrebbe sottolineato: qui non c’è una proprietà che fa i capricci, o un Presidente che si impunta e non vuole più spendere. Qui c’è un colosso che, come tutte le aziende cinesi, è soggetto a indicazioni che arrivano direttamente dal Governo e che, come tali, devono essere seguite senza margine di manovra.

Raccontarla per quello che è non migliora la solfa, chè se Pechino non cambia le regole qui rimangono cazzi amari, ma almeno aiuta a sgombrare il campo dai tanti professori da bar del “va beh ma se il cinese non c’ha i soldi può anche tornare a casa sua“.

Giusto per far capire che è un pochino più complicato di così.

Come sta Suning? I numeri di un colosso in difficoltà | Calcio e Finanza
Rappresentazione grafica del concetto “Suning c’ha l’Inter

Un pensiero su “BILANCIO 2020/2021 – pt. 1

  1. Pingback: BILANCIO 2020/2021 pt.2 | complottonerazzurro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.