EHI… C’E’ NESSUNO?

LIVORNO-INTER 2-2

Della triste mediocrità che ammanta la nostra squadretta ho già scritto più volte, così come del mio odio -calcistico, s’intende…come se poi fosse poca roba- per i calciatori stupidi.

Eppure è proprio su questi due punti che mi tocca dilungarmi.

I nostri stavolta riescono a buttare nel cesso una vittoria più figlia del caso che del merito, sprecando gli unici 8 minuti di calcio giocato da squadra normale con una ripresa scivolosa come una saponetta e mefitica come sterco di vacca.

Per pura cronaca segnalo il primo gol di Hernanes, servito da un liscio di Icardi in piena area, ed il bel raddoppio al volo di Palacio su cross di Jonathan: quasi troppo bello per essere vero.

E infatti…

Non sto neanche a precisare chi sia stato il genialoide artefice del frittatone in salsa labronica, dettaglio tanto banale quando arcinoto: faccio solo notare che era per motivi come questo che un paio di mesi fa ne plaudevo la cessione ad altri lidi.

Il cazzaro, entrato a metà ripresa per un Hernanes tutt’altro che pimpante -ma capace se non altro di segnare e piroettare per la gioia di Panchito- mostra il passo indolente dei giorni peggiori, limitandosi a qualche discreta sovrapposizione sulla destra ma dando sempre l’impressione della cagata-in-agguato.

Non sarebbe giusto affibiargli il 100% della responsabilità di questo insulso pareggio, visto che il 2-1 di Paulinho arriva grazie a un semplice movimento del 9 brasiliano, sufficiente a far sì che Juan Jesus e Samuel si marchino da soli. Il tocco è ovviamente di quelli che 9 volte su 10 finiscono alle stelle, e che invece stavolta ci punisce finendo contemporaneamente all’incrocio dei pali ed in mezzo alle nostre chiappe. Misteri della geo-anatomia applicata al calcio.

La tragicommedia continua, visto che anche sul 2-1 i nostri sembrano rischiare poco, arrivando addirittura a sfiorare il terzo goal con Icardi lento a piazzare la zampata vincente e Guarin a scartare anche i raccattapalle e tirare da posizione angolatissima con tre compagni a centro area.

Avendo capito di non poter entrare nella storia della partita come marcatore, il nostro ha forse propeso per la versione assist-man, servendo il maledettissimo Emeghara e facendo oltretutto fare la figura del paracarro a Samuel, incapace di stenderlo sull’allungo.

Guarin da oggi entra ufficialmente nella top 3 dei giocatori che non potrò mai più giudicare positivamente. Ci sono stati calciatori ben più scarsi, o che hanno fatto errori addirittura peggiori di questo, e che comunque ho continuato a supportare da bravo tifoso diligente.

Invece, dopo Burdisso che di testa serve Trezeguet in un Inter-Juve del 2008, e dopo i due minuti allucinanti di un Muntari subentrante a Catania nel 2010, ecco arrivare il Guaro, che da adesso in poi potrebbe addirittura fare tripletta nel prossimo Derby e vedersi comunque bocciato a prescindere dal sottoscritto.

Nè a lui, nè probabilmente ad alcuno di voi fregherà niente, ma io me so’ sfogato…

Mazzarri davanti alla telecamere minimizza e derubrica il tutto ad una circostanza sfortunata, e fa bene, chè i panni sporchi si lavano in casa. In cuor mio però spero che negli spogliatoi il colombiano sia stato scotennato dal Mister e da Samuel, messo in difficoltà dallo sciagurato retropassaggio del compagno.

Detto ciò, il solo motivo per farlo giocare ancora è evitare l’azzeramento del suo valore di mercato. Oddio, con certe cagate c’è il rischio di dover essere noi a pagare qualcuno che se lo porti via…

Rimandando a periodi di minor pessimismo cosmico una disamina meno contingente dell’amata squadretta -chè se dovessi ragionarci adesso piallerei tutto col napalm- mi limito a far notare che il peggior Milan degli ultimi decenni ci ha recuperato 5 punti in 3 partite: complimenti!

 

LE ALTRE

I cugini infatti non hanno problemi a liquidare un Chievo assai arrendevole, mentre il Napoli batte con merito la Juve, senza che però la vittoria possa causare grossi scossoni in classifica, stante una Roma ancora vittoriosa e con il recupero da giocare. Questo almeno il mio parere personale.

Noi restiamo quinti, a un paio di punti dal Parma e a 3 dalla Fiorentina. A questo punto è anche inutile guardare il calendario: in teoria Atalanta-Udinese-Livorno avrebbero dovuto essere un trittico assai abbordabile per chiunque… Le prossime avventure dei nostri eroi prevedono Bologna in casa, Samp e Parma fuori, prima del Napoli a San Siro.

Onestamente non so più cosa pensare…

 

E’ COMPLOTTO

Qualcosa in realtà c’è, visto il malcelato ghigno di Cattaneo nel rimarcare l’ennesima bestia nera dei nostri  (Emeghara aveva ovviamente fatto il primo gol in Serie A contro di noi l’anno scorso) e la pervicacia della regia nel mostrare, già durante la partita, il gol di Paulinho da ogni possibile angolazione.

Da manuale poi il riferimento di Sconcerti a un Palacio “ormai 33enne” (ne ha compiuti 32 a Febbraio), contrapposto ad un Kakà 31enne (ne compirà 32 questo mese) ed un Balotelli “che avrà presto 23 anni ” (in realtà è del ’90 e ad Agosto saranno 24).

 

WEST HAM

Qui se non altro le cose vanno benino: vittoria in trasferta a Sunderland e quota 37 che ci restituisce ai mari placidi del centroclassifica.

almeno guardiamo gli acrobati al circo...

almeno guardiamo gli acrobati al circo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.