BINGO!

Dear all,

mi viene da vomitare.

Davvero, provo schifo nei nostri confronti come poche altre volte da che sono tifoso.

Provo schifo perchè uno dei cardini del mio interismo è naufragato come il più tragicomico Titanic. Ho sempre pensato che l’Inter fosse squadra simpatttica unicamente per colpa del Signor Massimo.

E invece, sparito lui dai radar, collezioniamo una figura demmerda che al confronto il motorino con l’Atalanta e il passaporto di Recoba sono bazzeccole.

In 24 ore riusciamo nell’incredibile filotto di farci ridere dietro da tutto il mondo, indipendentemente dal “pezzettino” di Inter considerata.

Giocatori? Perdono in casa contro il Cagliari, sbagliando un rigore, facendosi rimontare e subendo un gol che nemmeno oggi le comiche (uscita a farfalle del portiere -capito perchè non esce mai??-, controcross, stinco del difensore, palo e autogol de panza del succitato portiere).

Mister? Appurato che ha 11 giocatori di numero che superano la decenza, sull’1-1 decide per il colpo di genio sparigliando la formazione e tentando un 3-3-3-1 (?) manco fosse Bielsa-de-sto-cazzo e contibuendo alla tragicommedia appena descritta.

Società? Casca dalle nuvole apprendendo solo ieri che il proprio Capitano (uno che “esterna” su Internet anche quando esce a buttare il rusco) ha fatto uscire un libro in cui parla di sé, senza che da nessuna parte si sia sentita l’esigenza o solo l’opportunità di chiedergli “Oh Mauro, magari me lo fai leggere prima di mandarlo in stampa, tanto per cultura nostra…“.

Poi lo pubblicizzano sul sito del Club, però non ritengono importante sapere che cazzo ci fosse scritto:

sito-libro-icardi

Grazie a Emanuele Vannucci per la dritta

Capitàno? Il non trascurabile dettaglio di aver sbagliato un rigore è paradossalmente la cosa meno grave. Il fatto di avere una Società mediaticamente inesistente alle spalle è stato terreno fertile per far prorompere in tutto il suo vuoto prenumatico il genio artistico e letterario del nostro, che avrà senz’altro accondisceso i desiderata dell’Alciato di turno che gli avrà chiesto “dài dimmi qualcosa di frizzante, che nessuno sa. Roba passata, chè tanto ormai non se la prende più nessuno ma comunque fa vendere un botto di copie“. Pronti-via, ecco fatto. E sinceramente, nemmeno dalla cima del Monte Bianco si vedrebbe la vastità del cazzo-che-me-ne-frega di chi stia mentendo tra lui e la Curva nella ricostruzione dei fatti di quel Sassuolo-Inter.

Curva? posto che stiamo parlando di gente dalla discutibile moralità e dalla chiacchieratissima fedina penale, non mi sorprende la loro risposta di domenica mattina, nè l’ottusa coerenza del “faccio brutto” mostrata all’ingresso in campo della squadra, durante la partita e in serata sotto casa di Icardi.

Ecco un collage riepilogativo dei “tifosi, che sono la cosa più importante“:

striscioni-curva-icardi

Ausilio & Zanetti? Ma porcaputtana, per una volta che c’era da metter su la faccia di circostanza, minimizzare e capire internamente cos’era successo (questo quel che noi tifosi avremmo pagato di tasca nostra per sentir dire a Zanetti), ecco che, belli compatti e coerenti, prima Zanetti e poi Ausilio addossano tutte le colpe al giocatore, facendo salva la Curva (che tentano maldestramente di identificare con “i tifosi” sapendo di mentire, visto che il resto dello stadio ieri ha applaudito Icardi anche subito dopo l’errore dal dischetto) e attingendo a piene mani alla retorica dei tifosi che vanno rispettati e bla bla bla.

A me sembra che un atteggiamento di questo genere sia discutibile sotto diversi punti di vista:

  1. Adotti la soluzione più semplice: è tutta colpa sua, noi e gli altri non c’entriamo niente Signora Maestra;
  2. Te ne fotti di quel che pensa la stragrande maggioranza, nemmeno silenziosa in questo caso, anzi, informaticamente barricadera come se a prese di posizioni ufficiali già non stevemo scarsi (come dicono a Napoli);
  3. Dopo un’estate sinceramente più che dimenticabile quanto a tira-molla di calciomercato, arrivi finalmente a mettere un punto sulla questione con il recente rinnovo del contratto al giocatore in questione, che teoricamente dovrebbe tacitare ogni possibile spiffero. Invece: pèmm! dentro la cacca con i mocassini nuovi! ti trovi un patrimonio dal valore attualmente polverizzato, carne fresca per chi voglia fare affari d’oro al mercato di Gennaio (puta caso che quello che lo cercava in estate adesso sia senza centravanti… ragionando per assurdo s’intende!);
  4. Nello stesso periodo in cui giri per il mondo rivendicando -e giustamente!- il respiro internazionale del Club, l’appeal globale del brand e la supercazzola bitumata, ecco che stringi-stringi ti comporti come la peggior squadretta campana di terza categoria (con tutto il rispetto) ostaggio dei propri Ultras;
  5. Chè poi, assenza di Champios a parte, come lo vai a spiegare al James Rodriguez di turno che dovrebbe venire a giocare da noi, che non siamo nell’Europa che conta però oh! è uno squadrone eh? con una Società all’avanguardia, dei tifosi della Madonna che ti son sempre vicini, delle volte anche troppo…

Come ho detto all’inizio, non c’è nessuno che in questa situazione sia esente da colpe.

Mi ci metto dentro anch’io. Ho pensato anch’io che la transizione dalla gestione familistica e alla buona ad una che fosse professionale e accorta fosse ormai avvenuta, e che a certe figure barbine avessimo detto addio per sempre. E invece no, anzi: per ora le sole parole sagge le ho sentite rilasciare con la consueta disponibilità sotto gli uffici della Saras: “E’ un grande caos in cui non entro certamente io“.

Evidentemente non basta cambiare il vertice della piramide, se quello nuovo non si accorge di quel che succede là da basso. Fozzinda, e prima di lui Thohir, con questo fattaccio si sono scoperti nudi su un punto che i paranoici come me hanno invece ben scolpito in testa: la gestione mediatica del Club.

Che, mi auguro abbiano compreso con la cartella in fazza presa ieri, non vuol dire soltanto gestire la stampa e sfancularla quando serve (sempre o quasi per quel che mi riguarda); vuol dire anche -se non soprattutto- avere il controllo totale di tutto quel che viene pubblicato  dai propri tesserati e che in qualsiasi maniera riguardi il Club.

E la biografia del tuo Capitano -per quanto assurdo possa essere un 23enne che senza aver vinto un cazzo scriva una biografia- mi pare risponda all’identikit appena fatto.

Non ho altro da aggiungere. Lasciatemi solo nel mio dolore. Voglio soffrire bene.

Il vostro inconsolabile.

idiots-everywhere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.